Il consumismo

Child with plenty of toys - pink world
Basta osservare il numero di giocattoli che possiede un bambino di oggi. È elevatissimo rispetto al numero di giochi posseduto da un suo coetaneo di cinquant'anni fa.
La sua attenzione, poi, si fissa soltanto per una piccola frazione di tempo su un giocattolo particolare, mentre il suo desiderio si rivolge già a qualche novità propagandata dall'industria.
Gli adulti contemporanei non sono molto diversi: il telefono cellulare viene sostituito non quando si rompe, ma quando un modello nuovo promette prestazioni strabilianti e così il computer e l'infinito numero di gadget elettronici, taluni spesso inutili, che però ci affascinano irresistibilmente. L'auto dopo un po' che la si possiede non soddisfa più la nostra smania di novità e il desiderio, plasmato da martellanti spot televisivi, corre già a qualche modello più recente. Il nostro mondo quotidiano è saturo di oggetti, spesso superflui. Gli oggetti sono diventati talmente pervasivi nella nostra vita da sostituirsi progressivamente agli affetti e alle relazioni umane.Il fenomeno in questione si chiama consumismo ed è una delle malattie della società e dell'uomo contemporanei.

Dire se è vero o falso:
  • I bambini di oggi hanno molti giocattoli.
  • I telefoni cellulari non si rompono.
  • I gadget elettronici sono talvolta superflui.
  • Il mondo quotidiano è pieno di oggetti inutili.


No hay comentarios:

Publicar un comentario en la entrada

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...